Sommeliers Sauro e Gianni » Leggi : Le langhe durante la vendemmia, finesettimana in Piemonte con gli “Altri Piemontesi”
 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português

Registrazione al sito
 
Calendario
Data: 11/04/2021
Ora: 08:06
« Aprile 2021 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Visite

Le langhe durante la vendemmia, finesettimana in Piemonte con gli “Altri Piemontesi”

Visite_aziende.png

Nel finesettimana del 18-20 ottobre 2013 abbiamo effettuato una visita veloce nelle aziende piemontesi a noi conosciute, per poter “assistere” ad alcune fasi della vendemmia. Le langhe in questo periodo sono veramente incredibili: il traffico di trattori e trattorini per le strade è impressionante!...



La prima azienda visitata è stata quella dell’amico Fabrizio Ressia, il quale tra un “rimontaggio” in cantina e l’altro ci ha fatto degustare i suoi vini. Per non essere ripetitivi e stimolare anche la curiosità dei lettori vogliamo parlarvi degli “Altri Piemontesi” ossia quei vini prodotti con tecniche particolari o che comunque escono un po’ dagli schemi tradizionali. Il vino di Fabrizio Ressia che appartiene a questa categoria si chiama Resiot, si tratta di un assemblaggio di vini di Nebbiolo, Barbera e Merlot. Un vino che va incontro anche ai gusti più internazionali ma che comunque mantiene ben strette le tipicità piemontesi, sembra strano ma il merlot presente in questo vino non si sente affatto. È stata poi la volta di Silvano Bolmida, il quale era impegnatissimo con l’ultima giornata di vendemmia dei nebbioli nella Vigna dei Fantini. Il suo vino “Altro” si chiama Frales, è un vero e proprio uvaggio nel senso della parola: Silvano infatti unisce uve di nebbiolo e barbera che vengono poi vinificate insieme, oltre a ciò una parte dei grappoli vengono immessi interi nel tino di fermentazione. Qui non ci sono vitigni non autoctoni ma la tecnica di produzione è assai particolare, infatti il 99% degli uvaggi sono prodotti assemblando vini e non uve (si dovrebbero chiamare vinaggi…!). infine è stata la volta dell’azienda Cagliero, anch’essa alle prese con la vendemmia degli ultimi appezzamenti di nebbiolo, gli amici Rosita e Giancarlo Cagliero producono il Galverno, un vino davvero particolare, frutto di un’antica tradizione ormai quasi in disuso. Si tratta infatti di un vino prodotto con la tecnica che in Valpolicella viene chiamata “ripasso”, in questo caso il vino ottenuto da uve dolcetto viene ripassato sulle vinacce del nebbiolo per acquisire più struttura e complessità.
Infine la nostra visita si è conclusa presso l’azienda Criolin, produttrice di un ottimo Moscato d’Asti che tra un paio di mesi scorrerà abbondantemente sulle nostre tavole per le festività natalizie.
Un caro saluto a tutti i nostri amici produttori che ringraziamo per l’accoglienza ed il tempo dedicatoci.
 

Qui alcune foto

Pubblicato Martedi 22 Ottobre 2013 - 07:33 (letto 3113 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Visita aziende La Colombina e Tornesi sabato 31 ottobre 2020 (02/11/2020 - 17:52) letto 348 volte
Read Visita Azienda Canneto III Spugnole lunedi 26 ottobre 2020 (27/10/2020 - 18:34) letto 406 volte
Read Visita azienda Fattoria di Cortevecchia, San Piero a Sieve sabato 21 settembre 2019. (22/09/2019 - 16:48) letto 965 volte
Read Michele Laluce 23 agosto 2017 (24/08/2017 - 11:38) letto 1877 volte
Read Visita azienda Lombardo Vini, Caltanissetta 11-14 agosto 2017 (16/08/2017 - 16:36) letto 1891 volte
Read Visita azienda il Cerchio, Capalbio sabato 1 aprile 2017 (02/04/2017 - 18:55) letto 1867 volte
Read Degustazione verticale Chianti Classico Solatione, venerdi 17 febbraio 2017 (19/02/2017 - 10:23) letto 1912 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Visite_aziende.png