Sommeliers Sauro e Gianni » Leggi : Vinitaly 2011: il nostro resoconto e le nostre esperienze
 
Cerca
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Login





Choose your language:
deutsch english español français italiano português

Registrazione al sito
 
Calendario
Data: 18/08/2019
Ora: 23:06
« Agosto 2019 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31
 
Utenti
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Visite

Vinitaly 2011: il nostro resoconto e le nostre esperienze

Recensioni.png

La prima parola che viene in mente pensando a questa 45° edizione di Vinitaly è sicuramente "caldo".
Un caldo mai registrato in Aprile(max di 32°) ci ha accompagnato tutti i giorni negli spazi all’aperto tra un padiglione e l'altro...

 



Per fortuna l'aria condizionata all'interno di alcuni padiglioni, ha permesso di degustare sicuramente meglio i vini, in particolar modo i rossi.
Tutte le mattine puntualmente, nonostante le nottate mondane con cene organizzate da Produttori ed Aziende, alle 9,30 eravamo già a degustare vini con alcune pause che venivano sfruttate per saluti a vari produttori amici. La giornata molto faticosa tra degustazioni e camminate per i padiglioni, terminava alle 19,00 giusto per una doccia fresca e di corsa a cena.
A detta di molti, operatori, Aziende presenti, ed Ente Fiera, questa edizione ha avuto un record di presenze estere. Molti gli operatori tedeschi, americani, dai paesi dell'Est Europa. Notevole anche la presenza di Russi, Cinesi e Giapponesi. Ci spiace molto che come sempre nelle interviste, queste cose vengono chieste solo a grandi aziende , senza mai considerare i piccoli produttori, non a caso se andate a leggere il comunicato del Direttore Generale di Ente Fiere, si parla di soddisfazione per questa Edizione da parte di Grandi Aziende, senza mai citare tutti gli altri (che sono ovviamente numericamente la maggior parte dei presenti!).
Essendo stati alcuni giorni prima a Prowein a Dusseldorf, in Germania, dobbiamo con rammarico constatare quello che si verifica regolarmente ogni anno davanti all'ingresso del Vinitaly, (che mai accadrebbe in Germania): giovani per terra con calici rotti, ed altri che fanno a botte senza sapere neanche per quale motivo, una ciurma di ubriachi. Altra cosa negativa come in passato sono i trasporti per la Fiera, ma di questo ne abbiamo già parlato molte altre volte. Un incontro fortuito con Vittorio Sgarbi all’uscita ci ha spinti a chiedergli di raccontare in TV questi episodi che ormai caratterizzano negativamente l’immagine della fiera. Ci ha garantito che lo farà. Inoltre pare che dal 2012 la fiera inizierà la domenica per concludersi il mercoledi: questo dovrebbe limitare un pò gli ingressi dei "bevitori".
Ma adesso dopo le critiche e i giudizi sempre personali, passiamo a quello che abbiamo degustato ed alle novità. Molte Aziende già conosciute, confermano la qualità dei suoi vini, ne citiamo alcune; per il Chianti: I Sodi, La Ripa, I Vegi,Casa al Vento, Villa Pomona; per il Brunello di Montalcino: Querce Bettina, Lisini, Le Presi, La Fornacina, novità l'Azienda Gianni Brunelli. Ottimo il nobile di Montepulciano di Godiolo e dell'Azienda Cavalierino con una gamma di vini tutti interessanti. Per il Piemonte si confermano con ottima qualità: Silvano Bolmida, Cagliero e Ressia Fabrizio con il suo Barbaresco eccezionale. Una novità l'Azienda piemontese Lo Spaventapasseri con un ottimo freisa, e sempre in Piemonte l'Azienda Mossio, con vini di qualità. Per il Friuli si confermano i presenti: Polencic Isidoro e Bortolusso, come novità l'Azienda Braidot presenta buoni vini e buon rapporto qualità-prezzo. Per la Sardegna Sedilesu non si smentisce e con le nuove annate presenta degli ottimi cannonau. Per il Lazio si confermano l'Azienda Castello delle Regine e l'Azienda Trappolini. Per le Marche l'Azienda Cherri, per l'Umbria la Palazzola con i suoi magnifici Spumanti ed il suo passito. Tornando al Nord, per il Trentino confermiamo la qualità dei vini dell'Istituto San Michele all'Adige, per l'Alto Adige l'Azienda Tiefenbrunner (che non ha bisogno di presentazioni!). Un altra affermazione per Villa Elena del Veneto con il grande Sig. Ezio che ha fatto ogni giorno spettacolo presso il suo stand, sciabolando bottiglie, con il top della sciabolata dell'amico Alessandro Scorsone con due bottiglie insieme, ottimi i suoi Champagne importati dalla sua Maison che possiede in Francia. Tornando verso il sud, troviamo le Aziende La Luce ed Eleano con ottimi Aglianico del Vulture, l'Azienda Vetrere della Puglia, l'Aziende Vinosia e San Francesco della Campania, l'Azienda Zito per la Calabria e l'Azienda Barbera per la Sicilia, la quale andremo a visitare in Agosto.
Interessante la degustazione guidata dei Pinot noir dell'Appennino Toscano, con un’associazione che si è formata tra i pochi produttori del Mugello, Casentino, Garfagnana e Lunigiana. Non potevamo mancare a questo appuntamento, essendo del Mugello. In occasione di questa degustazione e presentazione dei produttori, abbiamo valutato con attenzione e degustato: tra queste zone e tra i prodotti degustati quelli del Mugello ci sono sembrati nettamente superiori (non lo diciamo per campanilismo!). Questo viene nfatti confermato dalla nostra “classifica” dei vini con in testa come più graditi ed interessanti i due del Mugello e cioè l'Azienda Ventisei di Vicchio e l'Azienda Fortuna di San Piero a Sieve. A volte ci hanno accusato di non promuovere i vini del Mugello, come vedete non è così, ma è solo perché nel Mugello è molto difficile e faticoso produrre vini interessanti; comunque potrebbe essere la volta buona e noi ce lo auguriamo per iniziare a collaborare anche in casa nostra!
Molta soddisfazione anche per il breve dialogo avuto con l'ex Ministro Zaia, persona semplice ed interessatissima al mondo enologico. Una grande gioia di questo Vinitaly per noi è stato il fatto che molti amici abbiano girato per gli stand con la nostra Guida in mano per scegliere cosa degustare, inoltre la vendita ad Aziende e privati di varie copie della Guida.
Adesso riprenderemo le nostre attività con il nutrito gruppo di enoappassionati che ci seguono, ci incontreremo per una cena Venerdì 6 Maggio a Pontassieve da Toscani da sempre, poi il Venerdì 13 Maggio a Serramazzoni a Modena alla Trattoria del Gallo ed infine il 21/22 Maggio con la Grande Gita in Friuli con ben 49 amici al seguito! Termineremo la stagione con un pranzo conviviale Domenica 12 Giugno al Trebbiolo per augurarci buone vacanze estive. Nel frattempo noi lavoreremo per tutti gli amici, andando in Piemonte dal 20 al 25 Aprile a visitare Aziende ed ad Agosto in Sicilia.
 

Qui trovate una ricca carrellata di foto

Pubblicato Martedi 12 Aprile 2011 - 14:57 (letto 3279 volte)
Comment Commenti? Print Stampa



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Serata a Grumento Nova Proloco con Michele Laluce lunedi 12 agosto 2019 (13/08/2019 - 10:09) letto 40 volte
Read Si è svolta oggi la giornata a Barbiana, domenica 16 giugno 2019 (16/06/2019 - 19:43) letto 275 volte
Read Visita azienda Amiata e visita a Pienza, domenica 14 aprile 2019 (16/04/2019 - 13:41) letto 505 volte
Read Vinitaly 2019 (15/04/2019 - 13:56) letto 332 volte
Read Cena siciliana Trattoria Annarè con i vini Lombardo sabato 16 marzo 2019 (17/03/2019 - 11:31) letto 407 volte
Read Ristorante Il Maccheroncino Firenze (10/03/2019 - 10:08) letto 325 volte
Read Pranzo da O per Bacco con i vini Castel de Paolis, domenica 24 febbraio 2019 (26/02/2019 - 14:37) letto 337 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Recensioni.png